informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono gli sbocchi lavorativi della laurea in scienze dell’educazione?

Commenti disabilitati su Quali sono gli sbocchi lavorativi della laurea in scienze dell’educazione? Studiare a Potenza

Sei alle prese con la scelta della facoltà universitaria e ti stai chiedendo quali siano gli sbocchi lavorativi laurea scienze dell’educazione? In questo articolo troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno in merito a questo argomento.

Sappiamo bene che la scelta del percorso universitario può influenzare tutto il proprio futuro. Pertanto è fondamentale essere ben informati su cosa aspettarsi dopo la laurea, su quali possono essere i vantaggi e gli step successivi al conseguimento di un titolo universitario.

La laurea in scienze dell’educazione mira a fornire conoscenze teoriche e competenze operative nell’ambito dei processi educativi e formativi, ovvero ad offrire ai propri iscritti conoscenze e competenze in campo sociale, educativo e pedagogico.

Nei prossimi paragrafi ti sveleremo tutto quello che dovresti sapere prima di iscriverti e quali sono gli sbocchi occupazionali scienze dell’educazione.

LEGGI ANCHE – Come diventare formatore? Studi e possibilità.

Laurea in scienze dell’educazione: cos’è

Se ti stai chiedendo, prima di iscriverti ad un corso di laurea in scienze dell’educazione, cosa fare dopo, è bene che tu approfondisca prima di tutto in cosa consiste questo percorso di studi. Vediamo quindi insieme quali sono le materie più studiate e quali sono le figure professionali ad esso connesse più richieste.

LEGGI ANCHE – Inventarsi un mestiere? Ecco da dove partire.

Laurea in scienze dell’educazione, cosa posso insegnare

I corsi di laurea in scienze dell’educazione possono prevedere più indirizzi. In generale però, un percorso di studi di questo tipo assicura l’acquisizione di un’adeguata conoscenza teorica, epistemologica e metodologica delle problematiche educative.

Se vuoi sapere in un corso di laurea in scienze dell’educazione cosa si studia, possiamo dirti che gli argomenti prevalentemente trattati sono pedagogia, psicologia e filosofia. Per ottenere i maggiori vantaggi da questo percorso, ti consigliamo di iscriverti ad una laurea specialistica dopo scienze dell’educazione. È infatti statisticamente dimostrato che chi prosegue gli studi in scienze dell’educazione con la magistrale ha maggiori possibilità di trovare un impiego entro 5 anni dal completamento del proprio percorso universitario.

Facciamo subito una precisazione importante: l’educatore non è un maestro elementare, per cui, a differenza del laureato in scienze della formazione primaria, non può insegnare alle scuole elementari, a meno che non abbia anche il diploma magistrale conseguito entro l’anno accademico 2001/2002.

Per insegnare nelle scuole secondarie è necessario essere in possesso di una laurea magistrale (LM 85). Solo così, infatti, è possibile accedere all’insegnamento per le classi di concorso A-18 (Filosofia e Scienze Umane) e A-19 (Filosofia e Storia).

Se ti stai chiedendo se la laurea in scienze dell’educazione è abilitante all’insegnamento, la risposta, quindi, è sì. È possibile però che per accedere alla suddetta classe di concorso tu debba integrare dei crediti formativi.

Per quanto riguarda l’insegnamento negli asili nido, dall’entrata in vigore del decreto attuativo della riforma sulla Buona Scuola (2019/2020), non sarà più sufficiente la laurea in scienze dell’educazione, ma occorrerà possedere uno dei seguenti titoli di studio:

  • Laurea in Scienze dell’Educazione con indirizzo specifico in educatore dei servizi educativi per l’infanzia;
  • Laurea in Scienze della formazione primaria, integrata da un corso di specializzazione per complessivi 60 crediti formativi universitari.

Scienze dell’educazione: i principali ambiti occupazionali

Vuoi sapere quali sono gli sbocchi lavorativi della laurea in scienze dell’educazione? Eccoti accontentato.

Sembra che i laureati in scienze dell’educazione, per tutti i percorsi scelti per la laurea magistrale, trovino facilmente lavoro. La percentuale di chi lavora, dopo cinque anni dalla laurea, è infatti in media dell’80%.

In qualità di educatori e formatori, i laureati in scienze dell’educazione possono trovare uno sbocco lavorativo nei seguenti ambiti:

  • strutture educative prescolastiche, scolastiche ed extrascolastiche;
  • pubblica amministrazione ed enti locali;
  • servizi sociali, culturali e territoriali;
  • agenzie per le attività di volontariato;
  • servizi alla persona e all’infanzia:
  • aziende pubbliche e private;
  • organizzazioni dell’impresa sociale.

Secondo i dati di Almalaurea, la maggior parte degli impieghi (circa il 39%) ottenuti da laureati in scienze dell’educazione è rintracciabile nel settore dei servizi sociali e personali.

Gli esiti occupazionali previsti dal corso di laurea in scienze dell’educazione vedono come luoghi privilegiati strutture pubbliche e private aventi funzione educativa, di recupero, accoglienza e reinserimento, come: centri e strutture socio-educative, comunità alloggio, asili nido, centri per l’infanzia, comunità terapeutiche, cooperative sociali, centri per la formazione degli adulti, residenze per anziani, centri di accoglienza, sistema penitenziario, ma anche musei e biblioteche.

Alcuni esempi di figure professionali accessibili ad un laureato in scienze dell’educazione sono: educatore nei servizi per l’infanzia, educatore sociale e di comunità, tecnico del reinserimento e dell’integrazione sociale, assistente ai disabili, assistente sociale, educatore a domicilio, formatore.

LEGGI ANCHE – Come trovare lavoro in fretta: 6 consigli utili da seguire.

Laurea scienze dell’educazione: sbocchi lavorativi

E con questo, almeno per il momento è tutto. La nostra guida su quali sono gli sbocchi lavorativi della laurea in scienze dell’educazione ora è completa. Adesso tocca a te fare tesoro dei consigli che ti abbiamo fornito e scegliere il percorso di studi universitario più adatto a te. Noi non possiamo che augurarti in bocca al lupo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali