informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Studiare lettere è ancora attuale? Le ragioni del si

Commenti disabilitati su Studiare lettere è ancora attuale? Le ragioni del si Studiare a Potenza

Gli studi in lettere, o umanistici, sono (in certi ambienti) erroneamente ritenuti come scelte secondarie: si pensa che studiare letteratura sia un “mestiere” senza molto valore, sia dal punto di vista economico che sociale.

In realtà le lettere non sono un lusso, ma sono una disciplina essenzialeLo studio della letteratura sviluppa la padronanza della lingua e saper usare le parole in modo efficace è uno strumento potente in un mondo basato sulla comunicazione.  Ecco i nostri motivi in base ai quali scegliere lettere è ancora una scelta attuale.

Apprendere conoscenze specialistiche

In primo luogo, le facoltà umanistiche forniscono le conoscenze specialistiche necessarie per una vasta casistica di occupazioni. Insegnanti, giornalisti o diplomatici spesso provengono dalle discipline umanistiche. Non c’è bisogno di insistere sulla dimensione professionalizzante degli studi letterari: sottolineiamo semplicemente il fatto che queste professioni assumono un ruolo fondamentale nella società, al pari dei medici o degli avvocati, ad esempio.

Più in generale, gli studi in letteratura permettono di acquisire competenze utili o essenziali per la maggior parte delle professioni. Queste abilità riguardano il pensiero critico, lo spirito di iniziativa, la creatività e l’immaginazione, tutte abilità formate da anni di lavoro personale e di ricerca; sono anche abilità comunicative, orali o scritte, dalla semplice padronanza dell’ortografia alle forme espressive più complesse, compresa la conoscenza delle lingue.

Qualche brillante esempio di come gli studi letterari non releghino all’insegnamento? Il CEO di YouTube ha studiato storia e letteratura; il famoso investitore e uomo d’affari Peter Thiel ha studiato filosofia; Carly Fiorina, che era amministratore delegato di Hewlett Packard, ha studiato storia medievale; Andrea Jung, che era CEO di Avon, ha studiato letteratura. La preparazione pratica specifica viene conseguita a livello di laurea e, soprattutto, nella pratica lavorativa stessa. 

Acquisire spirito critico e capacità riflessive

Gli studi in lettere non formano laureati dal pensiero uniforme, ma si sforzano di formare menti ampie e flessibili, capaci di considerare le situazioni nel loro insieme, di soppesare i pro e i contro con il senno di poi, di reagire agli imprevisti, trovare soluzioni, innovare.

Certo, si riconoscerà che che tutta la formazione universitaria, e non solo letteraria, porta alla riflessione. Ma le scienze umane, per la natura fondamentale dei problemi posti (filosofici, storici e linguistici) e per la loro vicinanza all’esperienza umana, invitano forse più degli altri rami alla riflessione, al senso critico e all’originalità.

Gli studi letterari, difatti, rispondono alle aspirazioni umane essenziali: affrontano questioni sulla natura e sui limiti dell’esperienza umana. Sia la vita personale che quella sociale non possono essere ridotte all’economia o al commercio: le discipline umanistiche hanno una dimensione etica insostituibile.

Comprendere e decifrare altre culture

Gli studi letterari ti permettono di esplorare altre culture e credenze e dunque di immedesimarti nelle esperienze altrui. Questa apertura mentale può formare cittadini le cui capacità di riflessione sono baluardi contro i pericoli che minacciano le nostre libertà e i nostri valori. 

Lo studio di altre culture, altre lingue, altre epoche, in particolare attraverso la letteratura che, senza dubbio meglio di ogni altro medium, permette di proiettarsi nell’anima dell’Altro e di vedere il mondo con i suoi occhi, invita alla comprensione dell’universalità al di là delle differenze e promuove questa tolleranza che è essenziale per ogni democrazia

Fondamentalmente, se la storia e la letteratura sono la coscienza e la memoria delle società umane, abbiamo bisogno che le scienze umane le spieghino, le illuminino, le traducano per il nostro tempo.

Migliorare le abilità comunicative

Oggi i confini e le distanze non sono più un limite sia per gli individui che per molte aziende, che devono promuovere servizi e prodotti in tutto il mondo. Questa stessa globalizzazione ha portato queste aziende a migliorare il livello di comunicazione necessario per sensibilizzare il proprio pubblico, attribuendo al professionista un ruolo da intermediario per promuovere una corretta fluidità in senso comunicativo.

Ora più che mai, il lavoro di un linguista è essenziale non solo per il settore educativo o industriale, ma per un ampio ramo di discipline che richiedono le capacità e le competenze di quell’esperto in lettere, soprattutto nel fiorente settore digitale.

Le capacità investigative e critiche di uno studente laureato all’università di Potenza sono strumenti indispensabili sul mercato del lavoro. Un professionista così formato sarà in grado di comprendere la realtà che lo circonda attraverso la letteratura, la storia del pensiero, la filosofia, l’antropologia e l’etica. 

Le discipline umanistiche sono importanti perché ci rendono umani. Non solo ci aiutano a capire cosa siamo, ma sono anche formative: ci fanno essere. Ecco perché non possono mai essere scienze esatte, perché devono preservare e ampliare il più possibile le possibilità umane e il loro ambito di libertà. Il motto “conosci te stesso” rimane il fondamento di tutta la vita veramente umana: piena, cosciente e libera.

Credits: [minenkofotocom]/DepositPhotos.com

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali