informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare poliziotto: studi, concorsi, opportunità

Commenti disabilitati su Come diventare poliziotto: studi, concorsi, opportunità Studiare a Potenza

Vuoi intraprendere una carriera all’interno delle Forze dell’Ordine e capire come diventare poliziotto?

Molto bene, allora stai leggendo l’articolo giusto. In questa guida, infatti, ti daremo tutte le informazioni necessarie per entrare in polizia, a partire dagli studi, quali concorsi fare e come superarli.

Da cosa studia la psicologia, e i possibili campi di applicazione in questo settore, ai master in pubblica amministrazione e quelli dedicati alla geopolitica e forze armate. Scoprirai che diversi ambiti di studio possono essere utili a superare i test Polizia di Statocome studiare matematica e informatica, oltre ai master già citati.

Sei curioso di saperne di più? Allora non perdiamo tempo e andiamo subito a scoprire come diventare poliziotto.

Come entrare in polizia: dagli studi al concorso

Prima di vedere come diventare poliziotto, facciamo un brevissimo passo indietro per partire dalle basi della materia. Ovvero com’è fare il poliziotto? Cosa significa esattamente e quali sono le varie differenziazioni del mestiere? Nei prossimi paragrafi cerchiamo di mettere ordine e di fornire una risposta esaustiva ad ognuna di queste domande.

Cosa fa un poliziotto

Cerchiamo di dare subito alcune definizione di “polizia” e di circoscriverne il suo ruolo e la sua funzione.

Secondo Wikipedia:

«Il termine invidua oggi un generico corpo istituzionale preposto alla tutela dell’ordine pubblico contro gli attentati che questo potrebbe patire dalla condotta illegale di alcuni individui o da eventi fortuiti, che minerebbero appunto la pubblica sicurezza. Tipicamente una polizia dedica una quota maggioritaria delle proprie attività alla prevenzione ed alla repressione del crimine, ma in genere vi è sempre anche una parallela funzione di soccorso pubblico in situazioni di emergenza.

La funzione di polizia, per come generalmente la si intende in sistemi di cultura occidentale dei tempi nostri, attiene eminentemente alla lotta al crimine, individuale od organizzato. Non è raro, anzi, vedere che del termine “polizia” si abbia anche normativamente un uso esclusivamente limitato alle funzioni di tutela del rispetto ordinamentale. La polizia – così individuata – opera di fatto principalmente perché l’ordinamento ottenga il rispetto della collettività interessata attraverso l’osservanza delle leggi preposte a regolamentarne la vita, rispetto che perciò si esplicita tanto nell’induzione ad una condotta rispettosa delle leggi che nella punizione dei comportamenti sanzionati dall’ordinamento giuridico. In questo applica il complesso delle sue potenzialità operative, al fine di prevenire la commissione e la perpetrazione di atti e fatti costituenti crimine (o comunque turbativa dell’ordine pubblico) ed allo scopo di perseguire gli esecutori di eventuali atti e fatti illeciti».

In Italia i corpi di polizia a livello nazionale sono principalmente quattro. Essi sono:

  1. Polizia di Stato;
  2. Corpo di Polizia Penitenziaria;
  3. Guardia di Finanza;
  4. Arma dei Carabinieri.

Mentre a livello locale operano i corpi e servizi di Polizia Locale, ovvero la Polizia Municipale. Infine, esiste la Polizia Provinciale, che ha prevalentemente funzioni simili a quelle del Corpo Forestale dello Stato, che oggi si trova integrato all’interno dei Carabinieri.

Diventare poliziotto senza fare il militare

Ti stai chiedendo come diventare poliziotto o come diventare poliziotta, ma hai paura di non poter essere ammesso perché non hai svolto servizio militare?

Allora ti farà certamente piacere sapere che dall’1 gennaio 2016 e almeno fino al 31 Dicembre 2018 i Concorsi per diventare Allievi Agenti della Polizia di Stato sono stati aperti anche ai cosiddetti “Civili”. Motivo per il quale non è più da considerarsi obbligatorio aver fatto il militare in qualità di VFP1 o VFP4. Salvo disposizioni contrarie successive.

Più esattamente, all’interno di ogni bando, tra i posti da assegnare è possibile distinguere tra due diverse tipologie:

  1. Un tot di posti riservati ai candidati in servizio o in congedo;
  2. Un’altra parte da assegnare tramite concorsi polizia di stato per Civili, che chiaramente siano in possesso dei requisiti richiesti.

Concorsi polizia di Stato: requisiti

Generalmente, tra i requisiti generali richiesti di cui essere in possesso sono 8:

  1. Godare dei diritti civili e politici:
  2. Essere in possesso del diploma di istituto di istruzione secondaria di primo grado;
  3. Non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una pubblica amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di pubbliche amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento polizia o militare nelle Forze armate, a esclusione dei proscioglimenti per inidoneità psicofisica;
  4. Aver tenuto condotta incensurabile e non essere stati condannati per delitti non colposi;
  5. Non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
  6. Possedere l’idoneità psicofisica ed attitudinale da accertarsi con le modalità esplicitate nel bando di concorso;
  7. Non aver tenuto comportamenti nei confronti delle istituzioni democratiche che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
  8. Non trovarsi in situazioni comunque non compatibili con l’acquisizione o la conservazione dello status di Agente della Polizia di Stato.

Limiti di età: diventare poliziotto a 40 anni è possibile?

Ma capire come diventare poliziotto, significa anche verificare i limiti di età per i diversi tipi di concorso e posizioni.

Per quanto riguarda i Concorsi Allievi Agenti Polizia, per poter partecipare occorre avere un’età compresa tra i 18 e i 30 anni non compiuti, anche se dopo l’approvazione della Riforma sul Riordino delle Carriere, la situazione potrebbe cambiare.

entrare in poliziaMentre per il concorso pubblico da Vice Ispettori di Polizia, a differenza di quello interno per il quale non sono necessari particolari parametri anagrafici, il limite massimo di età per i candidati che vogliono presentare domanda è fissato a 32 anni non compiuti. Così come per partecipare al concorso per Commissari di polizia.

Ma se hai superato questa soglia non preoccuparti, non tutto è perduto: per gli appartenenti ai ruoli dell’Amministrazione Civile dell’Interno, il limite d’età è elevato a 40 anni.

Nessun limite anagrafico, invece, è imposto sulla partecipazione al concorso degli appartenenti ai ruoli del personale della Polizia di Stato che abbiano maturato almeno tre anni di anzianità di effettivo servizio alla data del bando.

Studi per diventare poliziotto: ecco i più utili ai fini del concorso

Cominci ad avere più chiaro come diventare poliziotto?

Quello che non ti abbiamo ancora detto è che il concorso consiste in una prova d’esame, ovvero un questionario di cultura generale a risposta multipla. Alcune altre conoscenze necessarie sono quelle legate ad almeno una lingua straniera (inglese, francese o tedesco), le questioni internazionali e l’informatica. Il punteggio minimo per poter superare il test Polizia di Stato è 6 su 10. Senza dimenticare, ad esempio, gli eventuali test psicologici VFP1.

Quali studi possono dunque aiutarti ad affrontarlo con la giusta preparazione e magari farti assegnare un punteggio maggiore, ove previsto? Spesso infatti nei concorsi pubblici il titolo di studio viene preso in considerazione come criterio di valutazione. Avere una laurea in materie attinenti è quindi sempre un valore aggiunto.

Ecco alcuni corsi di laurea che potrebbero davvero fare al caso tuo:

  1. Scienze e Tecniche Psicologiche – Laurea triennale
  2. Giurisprudenza – Laurea quinquennale;
  3. Relazioni internazionali – Laurea magistrale;
  4. Scienze economiche – Laurea magistrale.

Corsi di laurea, ma non solo. Unicusano eroga anche dei master davvero spendibili in questo settore. Come ad esempio:

  1. Antiterrorismo internazionale – Master di I Livello;
  2. Sicurezza delle reti informatiche –  Master di I livello;
  3. Data Analyst –  Master di I livello;
  4. Geopolitica della Sicurezza – Master di II livello;
  5. Security Manager – Corso di perfezionamento.

Ed eccoci giunti alla conclusione della nostra guida. Adesso sai come diventare poliziotto e quale percorso di studi può aiutarti a fare carriera interna, oltre che ad acquisire competenze mirate.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali