informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa studia la psicologia: info e campi di applicazione

Commenti disabilitati su Cosa studia la psicologia: info e campi di applicazione Studiare a Potenza

Vorresti comprendere meglio cosa studia la psicologia perché hai deciso di iscriverti ad una facoltà universitaria del settore?

Oppure sei semplicemente curioso di conoscere più a fondo questa affascinante materia?

Non preoccuparti, perché in entrambi i casi, hai trovato l’articolo che fa al caso tuo.

In questa guida, infatti, ti introdurremo alla scoperta di questa importante disciplina, che può trovare applicazione importanti in tante situazioni della vita, ma anche in diversi settori lavorativi: dal mediatore familiare alla risoluzione di conflitti di geopolitica, oppure per lavorare bene nella pubblica amministrazione. Ma anche nel campo dell’insegnamento, in quanto avere delle buone basi della materia può mettere nelle condizioni di capire gli altri e aiutarli a farli rendere al massimo. Come? Ad esempio sviluppando un proprio metodo per studiare bene o comprendendo come gestire e organizzare lo studio durante le vacanze o in periodi di forte stress. Oltre, naturalmente, ad esercitare la professione vera e propria di psicologa o psicologo.

Ma andiamo a capirne di più nei prossimi paragrafi.

Cos’è la psicologia: ecco tutto quello che devi sapere

Ma esattamente: cosa studia la psicologia e cosa fa concretamente uno psicologo? Sei curioso di andare a fondo alla questione e saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito.

Psicologia: etimologia e significato

Partiamo, come è giusto che sia, dalle basi. Ovvero dalla definizione di psicologia:

La psicologia è la disciplina, afferente alle scienze sociali, che studia il comportamento e la mente, attraverso lo studio dei processi psichici, mentali e cognitivi nelle loro componenti consce e inconsce, mediante l’uso del metodo scientifico e/o appoggiandosi ad una prospettiva soggettiva intrapersonale. Tale studio riguarda quindi i processi cognitivi e intrapsichici dell’individuo, il comportamento umano individuale e di gruppo, e i rapporti tra il soggetto e l’ambiente.

Così definisce la psicologia Wikipedia, rifacendosi al Glossary of Psychological Terms.

L’origine della parola, infatti, deriva da psico e logia, ossia anima e discorso (o studio). Possiamo dunque affermare che con questo termine si intende “studio dell’anima”.

Alla voce “psicologia” dell’enciclopedia Treccani, invece, si legge:

Scienza che studia i processi psichici, coscienti e inconsci, cognitivi (percezione, attenzione, memoria, linguaggio, pensiero ecc.) e dinamici (emozioni, motivazioni, personalità ecc.).

Mentre il Dizionario Garzanti distingue, in base al campo di applicazione, tra:

  1. Scienza che studia i fenomeni della vita affettiva e mentale delle persone (istinti, emozioni, sentimenti, percezioni, memoria, volontà, intelligenza); studio della psiche;
  2. La capacità di penetrare l’anima umana, di intuirne i moti e le reazioni e di comportarsi di conseguenza: “mancare di psicologia”; “bisogna usare un po’ di psicologia per farla ritornare a casa”;
  3. Il modo di pensare e di reagire di una persona o di una categoria di persone: la psicologia di mia sorella; la psicologia dei bambini, delle masse.

Lo psicologo, invece, è colui il quale svolge professionalmente attività di sostegno psicologico, sia essa di natura preventiva o riabilitativa. Se ti stai chiedendo qual è la forma corretta al plurale tra psicologi o psicologhi, fai attenzione ad evitare una gaffe piuttosto comune: la prima opzione è decisamente più consigliabile.

Quando nasce la psicologia

Per capire cosa studia la psicologia è importante conoscerne l’origine e la storia.

Il termine “psicologia” (psychologia in latino), risale probabilmente al XVI secolo, introdotto dall’umanista Filippo Melatone (Philipp Schwarzerd nella sua lingua, il tedesco) e dai suoi discepoli. Tra questi, ne ricordiamo due in particolare:

  1. Othone Casmanno, attraverso la sua opera Psychologia anthropologica; siue animae humanae doctrina, ovvero “Psicologia antropologica, o la conoscenza dell’anima umana, del 1594;
  2. Rodolfo Goclenico, con la sua Psychologia, hoc est de hominis perfectione, datata 1597.

Prima di loro, tra il 1511 e il 1518, anche Marcus Marulus, un umanista dalmata, ne aveva parlato in Psychologia de ratione animae humanae. Anche se il significato attribuito al termine, in questo caso, risulta essere meno certo.

Ma a sdoganare definitivamente la parola “psicologia” fu Christian Wolff nel Settecento, grazie soprattutto a due importanti opere nelle quali spiegò la differenza tra psicologia empirica e psicologia filosofica. Ovvero tra:

  1. Ricerca empirica di individuazione dei princìpi in grado di spiegare il comportamento dell’anima umana;
  2. Indagine sulle facoltà dell’anima stessa.

Le opere di Wolff alle quali stiamo facendo riferimento sono:

  1. La prima, nel 1732, Psychologia empirica;
  2. Psychologia rationalis.

Le tesi di Wolff furono successivamente criticate da un altro dei padri della psicologia: Immanuel Kant, secondo il quale non poteva esistere una psicologia razionale. Egli pose le basi per una psicologia più filosofica, anche se fondata su principi empirici. In quanto non riteneva potesse trattarsi di una scienza esatta, come la matematica.

Storia della psicologia: dalla filosofia alla psicologia scientifica

Fin qui dovrebbe esserti chiaro cosa studia la filosofia, o almeno cosa studiava fino al diciottesimo secolo. Ma, colpo di scena, nella seconda metà dell’Ottocento in Europa, le interpretazioni della psicologia si ampliano.

Accade, infatti, che tra il 1850 e il 1870 questa disciplina prenda piede tra scienziati, fisici e medici, che adesso si interessano anche della psiche, comprese le sensazioni, le emozioni e le attività intellettive dell’uomo. Apportando allo studio di questa materia strumenti e metodologie generalmente applicate alle scienze naturali.

E fu così che la psicologia divenne una disciplina scientifica a tutti gli effetti. Non più, o quantomeno non soltanto, filosofia. La psicologia moderna è anche scienza, quindi, e segue tutti i crismi del metodo induttivo: dall’osservazione agli esperimenti, per giungere all’elaborazione di ipotesi e leggi.

Ma a chi è dovuta questa svolta in chiave scientifica della disciplina? Tra i fautori più importanti, 9 in particolare meritano una menzione speciale Charles Darwin, Franciscus Donders, Ernst Weber, Gustav Theodor Fechner, Hermann Ebbinghaus, Francis Galton, Théodule Ribot, Alfred Binet e Arnold Gesell.

Cosa studia la pedagogia: rapporto e differenza con la psicologia

Un’altra svolta che ci aiuta a capire cosa studia la psicologia in tutte le sue forme, è quella verificatasi tra la fine del ‘800 e l’inizio del ‘900.

Stiamo parlando dello stretto legame instauratosi con la pedagogia. Tra i precursori di questa prossimità, impossibile non citare Wilhelm Wundt, il fondatore della psicologia sperimentale, nonché il primo a studiare l’apprendimento attraverso i sensi.

studiare psicologia

E poi Ivan Pavlov (colui il quale dimostrò che l’apprendimento si può legare a stimoli secondari) e Johann Friedrich Herbart (discepolo di Johann Heinrich Pestalozzi e di Immanuel Kant).

A suggellare questa vicinanza furono i vari Stanley Hall, Simon, Binet, Seguin e Itard, in particolare per quanto riguarda il campo dell’adolescenza e della disabilità.

Psicologia Università: l’offerta Unicusano

Se sei interessato a cosa studia la psicologia, vuoi conoscere meglio questa disciplina o magari a specializzarti in essa, ti suggeriamo alcuni corsi di psicologia fatti a posta per te (clicca sul loro nome per visionare la scheda completa). Tra questi troverai sia lauree che master.

  1. Scienze e Tecniche Psicologiche, ovvero un piano di studi psicologia tra i più classici e completi;
  2. Psicologia clinica, per studiare la psicologia della riabilitazione;
  3. Psicologia del Lavoro o della Salute Organizzativa;
  4. Medicina, psicologia e biofisica nelle scienze umane;
  5. Psicologia dello Sport, se cerchi un master di I livello;
  6. Psicologia Pediatrica, come master di II livello.

Ed eccoci giunti alla conclusione della guida Unicusano su cosa studia la psicologia e quali costi seguire per comprenderla.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali