informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa si può insegnare con una laurea in scienze dell’educazione?

Commenti disabilitati su Cosa si può insegnare con una laurea in scienze dell’educazione? Studiare a Potenza

Per molti, l’insegnamento è più di un semplice lavoro, ma una vera e propria vocazione. Conseguire una laurea in scienze dell’educazione è il modo migliore per perseguire questa carriera. Questo titolo di studio prepara gli studenti al ruolo di insegnanti e formatori, nelle scuole elementari, ma anche superiori, sia nel sistema scolastico pubblico che privato.

Il percorso accademico attivato da Unicusano in scienze dell’educazione permette ai corsisti di acquisire tutte le competenze necessarie nel campo delle scienze sociali, della pedagogia e dell’educazione. La classe di laurea assegnata a questo percorso è la L-19, che a livello ministeriale, non consente l’accesso diretto all’insegnamento a scuola.

Come poter iniziare a insegnare, dunque, con questa tipologia di formazione? Lo spieghiamo nel dettaglio.

L’iter per insegnare con scienze dell’educazione

La laurea in scienze dell’educazione non abilita direttamente all’insegnamento. Questa strada è possibile con specifici titoli di studio:

  • diploma magistrale;
  • diploma socio-psico-pedagogico;
  • diploma sperimentale a indirizzo linguistico conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002;
  • laurea in scienze della formazione.

La sola laurea triennale in Scienze dell’Educazione non consente l’accesso all’insegnamento nella scuola primaria e secondaria di I e II grado, ma consente di esercitare come educatore dei servizi educativi per l’infanzia (0-3 anni).

Tuttavia, la laurea in scienze dell’educazione permette l’accesso diretto al terzo anno di scienze della formazione, dopo aver superato l’esame e si può accedere in maniera diretta alle graduatorie di terza fascia. Questa comprende i docenti di scuola secondaria di I e II grado non abilitati, in possesso del titolo di studio valido per l’accesso all’insegnamento.

Per diventare invece docente di ruolo, c’è bisogno innanzitutto di superare il concorso ministeriale e poi di acquisire i crediti formativi mancanti per l’abilitazione.

Una delle opportunità potrebbe essere infatti quella di frequentare un master o una specializzazione dopo laurea in scienze dell’educazione, che ti darebbe la possibilità di acquisire ulteriori crediti. In alternativa, si possono contattare direttamente le università per poter sostenere gli esami.

Per lavorare invece come educatore dell’infanzia non è richiesto il superamento del concorso, poiché la sola laurea triennale in scienze dell’educazione consente l’accesso alle scuole dell’infanzia, ludoteche e centri di educazione. Si potrà dunque lavorare presso nidi e micronidi, sezioni primavera e servizi integrativi, gestiti da enti pubblici e privati. L’indirizzo scelto deve però essere specifico per educatori dei servizi educativi per l’infanzia.

L’educatore può inoltre scegliere anche una carriera come libero professionista, svolgendo percorsi educativi e di formazione in scuole e centri per l’infanzia.

Cosa posso insegnare con la mia laurea?

Il requisito per partecipare al concorso a cattedra è il possesso da parte degli aspiranti docenti dell’abilitazione all’insegnamento, ovvero di un titolo che abbia valore abilitante per una specifica classe di concorso, solitamente una laurea magistrale con specifici settori disciplinari.

Ogni titolo accademico viene classificato con un codice specifico, detto classe di concorso. Per capire quali sono le classi di concorso corrispondenti ai titoli di studio posseduti, è possibile effettuare delle ricerche su alcuni portali di insegnamento, che permettono di risalire alla classe di appartenenza tramite l’inserimento delle proprie qualifiche.

Per le materie antropo-psico-pedagogiche sono richiesti almeno 24 CFU, requisito che decade se si sono svolti almeno 3 anni di servizio a scuola. Una volta raggiunto il punteggio minimo in tutte le prove concorsuali si avrà diritto all’abilitazione all’insegnamento, che ha valore nazionale.

Il DM 259/2017 stabilisce cosa si può insegnare con la propria laurea. La Tabella A riporta i titoli di laurea per insegnare nella scuola secondaria, la tabella B fa invece riferimento principalmente ai titoli di diploma ITP. Ad esempio, con una laurea in architettura è possibile insegnare disegno e storia dell’arte nella scuola secondaria, mentre la sola laurea in scienze dell’educazione permette l’insegnamento soltanto presso gli istituti d’infanzia.

Credits Immagine: Depositphotos/pressmaster

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali