informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una sceneggiatura: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Come scrivere una sceneggiatura: quello che devi sapere Studiare a Potenza

Sei un appassionato di cinema e vuoi sapere come scrivere una sceneggiatura? Allora questa guida fa al caso tuo. Ti spiegheremo, passo dopo passo, come procedere nella realizzazione di un copione.

La sceneggiatura è il testo di un’opera destinata al teatro, al cinema o alla televisione, nel quale vengono indicati e definiti tutti i passaggi necessari alla sua realizzazione. Essa comprende la descrizione degli elementi visivi e sonori e delle ambientazioni, le azioni dei personaggi e i dialoghi. La sceneggiatura serve inoltre a descrivere nel dettaglio la struttura visiva dell’opera, pertanto spesso contiene la descrizione particolareggiata di ogni singola inquadratura, ossia di ogni porzione di immagine colta dall’obiettivo della macchina da presa.

Avere un’ottima idea o addirittura un intero film nella propria testa non basta a produrre un’opera degna di tale nome, è necessario conoscere tutte le fasi che compongono il processo creativo.

LEGGI ANCHE – Parlare in pubblico: i consigli per sconfiggere l’ansia.

Le regole per scrivere una sceneggiatura efficace

Per scrivere sceneggiature ci sono alcune regole da seguire, senza l’applicazione delle quali la tua opera rischia di risultare approssimativa o non efficace. In questo articolo ti spiegheremo quali sono questi princìpi fondamentali e come applicarli per realizzare un copione a regola d’arte.

Come scrivere un copione: le varie fasi

Ecco quali sono le fasi fondamentali per scrivere sceneggiature.

  • Soggetto o script. Si tratta di una sinossi, un breve racconto che descrive la storia e i personaggi.
  • Trattamento. È un ampliamento del soggetto iniziale in forma narrativa. Una sorta di pre-sceneggiatura nella quale vengono descritti gli ambienti, l’ordine delle scene, le azioni e i dialoghi principali dei personaggi.
  • Scaletta. È uno schema dell’intreccio narrativo, ossia una successione numerata e ordinata di tutte le scene, divise per punti, in cui ogni punto ha come titolo una frase che ne riassume il senso. Si tratta di una sorta di promemoria, che ti aiuterà a costruire la sceneggiatura vera e propria.
  • Sceneggiatura. Una volta fatta la scaletta, puoi procedere alla scrittura della sceneggiatura vera e propria, cioè alla descrizione dettagliata di tutte le scene in cui sarà diviso il tuo film o la tua opera teatrale, dialogo per dialogo, con la descrizione di tutti i luoghi e gli oggetti che devono rientrare nelle scene o nelle inquadrature.
  • Storyboard. Si intende letteralmente la tavola disegnata della storia, ossia la messa in immagini delle scene, una sorta di fumetto che serve a visualizzare le idee di regia. Viene utilizzato negli spot e nei videoclip e in quasi tutti i film americani e inglesi, più raramente in quelli italiani e francesi.

Modelli di sceneggiatura

La struttura di una sceneggiatura varia a seconda del modello scelto.

I principali modelli di sceneggiatura sono:

  • All’italiana. Il foglio viene diviso in due colonne: nella colonna di sinistra vengono inserite tutte le indicazioni relative alla parte visiva, le azioni dei personaggi e le descrizioni degli ambienti. In quella di destra ci sono quelle relative al sonoro, quindi i dialoghi dei personaggi, i rumori e le musiche.
  • Alla francese. Le descrizioni riempiono tutta la pagina, mentre i dialoghi occupano una colonna a parte sul lato destro della pagina. Nella maggior parte dei casi, la sceneggiatura alla francese non riporta le indicazioni tecniche, che saranno poi decise dal regista.
  • All’americana. È la forma più diffusa in ambito cinematografico. La descrizione è a tutta pagina, le didascalie occupano tutta la larghezza, mentre i dialoghi vengono posti in una colonna centrale. Il font obbligatorio è il Courier o il Courier New, dimensione 12. Le intestazioni delle scene vengono scritte sempre in maiuscolo e va indicato se la scena si svolge all’esterno o in un interno. Non ci sono indicazioni tecniche, perché si cerca di rendere il testo più scorrevole possibile.

Scrivere una sceneggiatura

La sceneggiatura va scritta al tempo presente, come se la vicenda si stesse svolgendo esattamente mentre la si scrive.

Se vuoi sapere come inserire un flashback in una sceneggiatura, ricordati, per non creare confusione, di indicarlo sempre con molta chiarezza e di segnalare se si tratta di un solo flashback o di una sequenza, nonché il suo inizi o e la fine nel titolo di scena.

Se ti stai chiedendo come scrivere una sceneggiatura per uno spot, ti basti sapere che il procedimento è lo stesso di quello adottato per la sceneggiatura di un film.

Per avere un quadro visivo di come scrivere una sceneggiatura, ti consigliamo di procurarti una sceneggiatura tecnica: un esempio potrebbe essere la sceneggiatura di un film americano. Sono numerose le sceneggiature che puoi trovare online o in libreria.

LEGGI ANCHE – App per catalogare i libri letti: ecco le migliori da scaricare.

Se sei interessato a come scrivere una sceneggiatura teatrale, un esempio ottimo può esserti fornito dai grandi classici del teatro.  Nel caso del teatro, infatti, la sceneggiatura non differisce molto dal testo stesso. Anche nella sceneggiatura teatrale vengono riportati i dialoghi dei personaggi, con alcune indicazioni di recitazione, e vengono descritte le azioni e gli ambienti in cui queste si svolgono. Mentre in genere le indicazioni di regia non sono riportate, in quanto vengono lasciate al regista.

Se vuoi saperne di più sul linguaggio cinematografico e in generale su quello dei new media, all’Università degli Studi Niccolò Cusano è attivo il Master di I livello in “GIORNALISMO 3.0“.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali