informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Laurea in giurisprudenza a 50 anni: è una buona idea?

Commenti disabilitati su Laurea in giurisprudenza a 50 anni: è una buona idea? Studiare a Potenza

Andare alla facoltà di giurisprudenza è una decisione importante a qualsiasi età. È un enorme impegno finanziario ed è anche un impegno significativo in termini di tempo. Ma non c’è dubbio che vale il sacrificio se hai sempre voluto essere un avvocato.

L’età media degli studenti del primo anno di giurisprudenza è di circa 24 anni, ma forse hai intrapreso un’altra professione nel frattempo e stai pensando: “E se tornassi a scuola e mi laureassi in legge?”

Andare alla facoltà di giurisprudenza può essere una sfida formidabile per gli studenti più grandi. Se tieni in considerazione che si tratta di un mercato del lavoro saturo, con una concorrenza spietata, potresti chiederti se saresti in grado di garantirti un lavoro anche laureandoti dopo i 50 anni.

In questo articolo ti daremo dei suggerimenti per aiutarti a capire se sei pronto per la scuola di legge e se vale la pena laurearti tardi.

Differenza di età

L’età porta molte cose buone, ma tende anche a rallentare l’apprendimento. A seconda di quanto tempo è passato dall’ultima volta che hai decifrato un libro di testo, potresti avere difficoltà a riprendere la routine di studio e a conservare ciò che hai imparato. Anche i tuoi impegni familiari possono rallentarti nel percorso di studi.

Ma laurearsi tardi ha anche i suoi vantaggi, legati soprattutto alle esperienze, professionali e non, svolte nel frattempo. Inoltre, il pregiudizio sull’età esiste nella professione legale proprio come in molti altri settori. Alcune aziende preferiscono assumere dipendenti più giovani e inesperti che sono disposti a lavorare per meno soldi, nonché per la loro longevità di carriera, capacità di formazione e impegno.

Le abilità acquisite negli anni prima del ritorno sui banchi di scuola possono però essere dalla tua parte, soprattutto se il settore in cui lavori è affine a quello in cui ti stai formando. In questo caso avresti molta più esperienza pratica rispetto a un neolaureato più giovane. Le competenze lavorative “reali” contano molto più del titolo di studio.

Opportunità di carriera 

Le statistiche mostrano che non è facile per gli avvocati più anziani trovare lavoro in grandi studi legali, ma questo non significa che non avrai alcuna opportunità all’orizzonte. Secondo i dati riportati da Almalaurea, il 53% dei laureati in giurisprudenza di età pari o superiore a 36 anni entra in uno studio privato o si unisce a studi con meno di 10 avvocati. Solo il 17% entra a far parte di aziende che impiegano più di 250 avvocati.

Esamina i tuoi obiettivi. Se stai pensando di andare a scuola di legge a 50 anni, probabilmente lo stai facendo perché la legge è qualcosa di cui sei sempre stato avido. È qui che devi vendere te stesso. Se hai una passione per la legge, falla vedere. Sì, potresti non avere una carriera lunga quanto quella di un 27enne, ma potresti avere molte più competenze.

Impegno di tempo 

Laurearsi tardi può anche rappresentare un netto vantaggio in termini di tempo sui candidati più giovani. A 50 anni i tuoi figli sono cresciuti per poter dedicare la tua vita allo studio e gli impegni familiari potrebbero essere molto più gestibili. Fai un passo indietro e ripensa alla tua vita. Riusciresti ad impegnarti per le 50 e le 80 ore settimanali che molti studi legali richiedono?

Un vantaggio per la gestione degli impegni personali e accademici è rappresentato dalla didattica a distanza. L’Università di Potenza offre la possibilità di conseguire il titolo di studio in giurisprudenza senza frequentare le lezioni, ma studiando da casa per poi presentarsi in facoltà soltanto in occasione degli esami. La piattaforma telematica permette infatti di seguire le lezioni e scaricare il materiale didattico necessario per prepararsi alle sessioni.

Competitività

In molti campi è necessario rimanere costantemente aggiornati. Molte aziende scelgono di assumere impiegati più giovani piuttosto che investire nel miglioramento delle competenze e nella riqualificazione della propria forza lavoro attuale e, in tali circostanze, sono gli anziani a essere più spesso svantaggiati. Tornare a scuola per conseguire una laurea è un ottimo modo per rafforzare le conoscenze esistenti o sviluppare competenze per rimanere competitivi nella forza lavoro.

Iscriversi all’università è spesso anche un modo per affrontare nuove sfide, imparare cose nuove e approfittare di un’opportunità di sviluppo personale. Per molti adulti, in particolare quelli che non hanno potuto proseguire negli studi per motivi lavorativi, conseguire una laurea è un obiettivo a lungo sperato. Che sia per la realizzazione personale, per ispirare un figlio o un nipote o semplicemente per poter dire “Ce l’ho fatta”, tornare all’università è un modo per dare alle proprie ambizioni l’opportunità di spiccare.

Credits immagine: Depositphotos/AndrewLozovyi

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali