informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Foto del curriculum: le regole d’oro per scegliere quella giusta

Commenti disabilitati su Foto del curriculum: le regole d’oro per scegliere quella giusta Studiare a Potenza

Non hai la più pallida idea di come dovrebbe essere la foto da allegare al tuo CV? Una delle prime preoccupazioni che emerge quando non sappiamo come creare un CV è il tipo di foto da includere. 

Non entreremo nel dibattito se avere una foto sul CV sia una cosa buona o cattiva, sappiamo tutti che i datori di lavoro dovrebbero sceglierci per le nostre qualità e competenze. In effetti, ci sono Paesi in cui è persino illegale includerle la propria foto.

Tuttavia, una foto allegata al CV è ancora necessaria in Italia, dove hai molte più possibilità di essere scelto rispetto a qualcuno che non ne include una. Ammettiamolo, che ci piaccia o no, le prime impressioni sono molto importanti. La foto è il nostro biglietto da visita e devi prenderti cura fin nei minimi dettagli. Un CV ben presentato funziona sempre a tuo favore e una buona foto può aiutarci a distinguerci tra le montagne di candidature.

Come dovrebbe essere una foto del CV?

Meglio sorridere o evitare? Scegliere uno sfondo bianco o qualcosa di più casual? Posso fare la foto a casa o devo andare da un fotografo? Di seguito abbiamo raccolto alcuni suggerimenti per guidarti nella scelta della foto perfetta.

La prima preoccupazione è sempre: “Come devo posare per la foto del mio CV, serio o sorridente?” Ebbene non è necessario sfoggiare un sorriso impeccabile davanti alla macchina fotografica, ma un piccolo accenno può trasmettere un’impressione di cordialità e vicinanza. Se non vuoi sorridere, puoi anche dire molto con gli occhi. La cosa più importante è che tu sia rilassato in una posa il più possibile naturale.

I ricordi fotografici sono importante, ma non riutilizzare una tua vecchia foto per il CV. Per quanto tu sia carina nella foto dalla spiaggia, è meglio lasciare quella foto nel soggiorno di mamma. E quella foto con i tuoi amici in cui sembri così bella? Anche quello è assolutamente da evitare.

A volte è meglio essere soli in una foto, e questa è una di queste volte. Lascia le foto con la tua famiglia e i tuoi amici per gli album fotografici. E se hai una foto adorabile col tuo animale domestico, a meno che tu non stia facendo domanda per un lavoro come dog sitter, è meglio scartarla. La foto del CV inoltre deve essere aggiornata: non utilizzare foto datate solo perché son venute bene.

Ricorda che il soggetto della foto sei tu, quindi lo sfondo della foto del tuo CV dovrebbe essere qualcosa di neutro. Non deve essere necessariamente bianco, un colore neutro o una tonalità pastello ti farà distinguere senza correre rischi e rimanendo professionale. Evita tonalità brillanti e appariscenti.

Cerca di indossare abiti adatti, che abbiano un aspetto professionale e non troppo informale, ma allo stesso tempo non vestirti come se stessi per uscire a una festa. Assicurati che tutto sia ordinato e senza pieghe. Il trucco è migliore è quello che non si vede, e può essere molto utile per coprire le imperfezioni. In termini di capelli, assicurati che siano puliti e ben acconciati.

L’inquadratura deve essere ravvicinata ma non estrema: il tuo viso deve vedersi chiaramente, ma non in maniera così nitida da far risaltare pori e imperfezioni. Il taglio ideale è quello da ritratto, che arriva fino alle spalle o al petto.

Come scattare la foto del CV a casa

Se vuoi provvedere autonomamente a scattare la foto del CV senza ricorrere ad un fotografo, anche per avere la libertà di scattare cinquecento foto prima di trovarne una che vada bene, ecco alcuni suggerimenti:

  • Chiedi a qualcuno di aiutarti. Anche se fai selfie incredibili che ottengono migliaia di Mi piace, non significa che siano professionali. Se non puoi contare su un treppiedi e un dispositivo con controllo remoto, avrai bisogno di un assistente che tenga d’occhio il lavoro in camera.
  • Preferisci la luce naturale. L’uso di una lampada alogena non ci dà lo stesso effetto di un faretto da studio, quindi è meglio trovare la luce naturale. Questo non vuol dire che dovresti posizionarti con il sole diretto sul viso, tutt’altro. L’ideale è posizionarsi nei pressi di una fonte che possa fornire un’illuminazione morbida e diffusa, come può essere una finestra coperta da un tendaggio bianco. In alternativa, meglio preferire la luce del mattino o della sera, in quanto meno aggressiva con le ombre.
  • Attento all’angolazione. La posizione e l’angolazione della fotocamera sono molto importanti, motivo per cui i fotografi ti chiedono più volte di muovere la testa nelle varie direzioni. La cosa migliore da fare è avere la fotocamera all’altezza del viso e muoverla finché non trovi il tuo lato migliore.
  • Fai attenzione allo sfondo. Al di fuori di uno studio, è più difficile trovare superfici lisce e ben illuminate che possiamo usare come sfondo. Se questo è il tuo caso e devi usare uno sfondo diverso, meno sono le cose che ti distolgono l’attenzione, meglio è. E se ci sono elementi di distrazione nell’ambiente, assicurati che siano puliti e in ordine. Inoltre, cerca di assicurarti di posizionare la messa a fuoco sul tuo viso, aumentando al massimo l’apertura del diaframma in modo da sfocare lo sfondo e renderlo indistinto.

Come modificare una foto del CV

Ricorda che questa foto è per il tuo CV, non per Instagram, quindi dimentica i filtri! Deve risultare naturale e professionale, quindi non importa quanto ti sembri bello quel filtro dorato, devi resistere alla tentazione di usarlo.

Questo non vuol dire che non puoi modificare e migliorare la foto. Se si tratta di una foto scattata a casa possiamo regolare il contrasto o la luminosità per ottenere una migliore illuminazione, ridurre le ombre, aumentare o diminuire la temperatura colore, modificare l’esposizione in modo che la foto sia più chiara (o più scura) ecc. Le modifiche devono notarsi il meno possibile.

Praticamente qualsiasi editor online offre gli strumenti di base di cui potremmo aver bisogno, come la funzione di ritaglio o la regolazione della luminosità e del contrasto. Pixlr e Fotor sono due editor molto buoni e gratuiti che potrebbero tornare utili. Forse non sembra molto professionale, ma la verità è che anche Instagram può aiutarti a ritoccare la tua foto e ottenere un buon risultato.

Come inserire una foto nel tuo CV?

Dove dovresti mettere la foto del CV, a destra o a sinistra? Dipenderà dal design del tuo CV, ma il posto migliore per inserirlo è all’inizio della prima pagina. Oltre alla posizione devi assicurarti che la foto sia di buona qualità: una foto sgranata non è un buon biglietto da visita.

La dimensione della foto del tuo CV dipenderà dal formato e dal design del tuo CV, ma cerca di non utilizzare più spazio di quanto sia necessario per vedere chiaramente la foto in un colpo d’occhio.

Se la ritagli, ricordati di mantenere la foto ben squadrata e di non alterare le proporzioni del tuo viso. Quindi non modificare la lunghezza o la larghezza del tuo viso in modo che si adatti esattamente allo spazio o i lineamenti risulteranno deformati.

Se sei fresco di laurea dall’Università di Potenza, è arrivato il momento di aggiornare il tuo CV e renderlo perfetto proprio come la foto scelta.

Credits immagine: Depositphotos/StockAsso

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali