informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare questore: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare questore: studi e possibilità Studiare a Potenza

Già nell’ordinamento di Roma Antica la figura del questore era tenuta in grande considerazione. Spettava a questo magistrato occuparsi della giurisdizione criminale nel territorio a lui sottoposto, ma nel corso dei secoli assumerà anche competenze amministrative e fiscali. Tutt’oggi quel dello questore resta un ruolo di altissima responsabilità, in quanto spetta a lui garantire la pubblica sicurezza del territorio coordinando le azioni della Polizia.

Diventare questore non è impossibile ma richiede grande impegno, pazienza e dedizione alla professione. Si tratta di un ruolo che è possibile ricoprire dopo una lunga carriera, che spesso scoraggi gli aspiranti alla carica. Determinazione e costanza sono indispensabili per affermarsi in questo contesto professionale.

Cosa fa il questore?

Il questore è un funzionario pubblico che si occupa di gestire e coordinare tutte le attività della questura provinciale in cui lavora. Al fine di prevenire la criminalità e garantire la sicurezza dei cittadini, deve organizzare tutte le azioni della Polizia sul territorio, sia a livello di prevenzione che di difesa.

In particolar modo, il questore deve delineare il piano operativo e le modalità tecniche per attuare il programma di sicurezza stabilito dal prefetto e dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, del quale fa parte. Può coinvolgere tutte le forze di polizia presenti sul territorio, quindi anche operatori dei Carabinieri, della Guardia di finanza, del Corpo forestale e della Polizia penitenziaria, per esigenze di ordine pubblico. Le sue azioni si coordinano dunque con quelle del prefetto, che invece attua disposizioni di tipo politico amministrativo.

Il questore ha naturalmente numerose altre competenze: emette diffide, ordini di allontanamento verso cittadini stranieri irregolari; nei casi previsti dalla legge, può disporre misure di prevenzione nei confronti di soggetti ritenuti pericolosi o in altre circostanze proporle all’autorità giudiziaria. Inoltre, spetta sempre a lui gestire eventi e manifestazioni che possono stravolgere l’ordine pubblico.

Come si diventa questore?

Per intraprendere il cursus honorum come questore è previsto innanzitutto il superamento del concorso pubblico per commissari. I concorsi sono periodicamente pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, insieme ai requisiti per l’accesso. Per accedervi è necessario avere un’età compresa tra i 18 e i 32 anni, aver conseguito una laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia o titoli equiparati, avere la cittadinanza italiana e nessuna condanna penale.

Il concorso è articolato in due prove, una scritta e una orale, con argomenti che spaziano dalla medicina legale all’informatica, dalle materie giuridiche fino ad una lingua straniera. Anche le doti psicofisiche del candidato vengono prese in esame e valutate da un’apposita commissione prima delle prove scritte.

Il vincitore del concorso dovrà poi frequentare un master di II livello in “Scienze della sicurezza” presso la Scuola superiore di polizia, della durata di 2 anni. Al termine del primo anno è previsto il superamento di una prova d’esame, necessaria per il conseguimento dell’idoneità.

Il passo successivo, al termine del biennio, è la nomina a “Commissario capo”, che va ricoperta per 5 anni e 6 mesi prima di ottenere la nomina a “Vice questore aggiunto”. A questo punto, l’aspirante deve superare un concorso interno per poter accedere alla qualifica di dirigente di primo livello, per il quale vengono presi in considerazione titoli ed esami. Il Ministero dell’Interno stabilisce di volta in volta i requisiti necessari per l’ammissione.

Solamente dopo 3 anni nel ruolo di dirigente si viene nominati dirigente superiore, cioè questore. Spetta al consiglio di amministrazione del Dipartimento di pubblica sicurezza promuovere e nominare il nuovo questore.

Quanto guadagna un questore?

Quello del questore è uno dei ruoli più remunerati nel campo della sicurezza pubblica, ma anche quello con le maggiori responsabilità. Il salario del questore è un grande incentivo nell’intraprendere questo percorso lungo e impegnativo. Le prospettive di guadagno sono molto interessanti: si parla di uno stipendio mensile di circa 3.000/3.5000 euro netti, a cui vanno sommati indennizzi e rimborsi vari che nel tariffario base del ministero dell’Interno non sempre compaiono.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali