informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come inserire citazioni bibliografiche nella tesi in psicologia

Commenti disabilitati su Come inserire citazioni bibliografiche nella tesi in psicologia Studiare a Potenza

Utilizzate in modo efficace, le citazioni sono un ottimo strumento per avvalorare il tuo discorso e dare nuove prospettive alle tue argomentazioni. Tuttavia, se usate in modo inefficace, le citazioni possono appesantire il testo ed interrompere il flusso del tuo argomento. Questa piccola guida ti aiuterà a decidere quando e come inserire le citazioni bibliografiche nella tua tesi di psicologia. 

Perché usare le citazioni bibliografiche?

Una citazione è la riproduzione fedele di un gruppo di parole, o più frasi, estratte da un testo appartenente ad un altro autore. Il segno di punteggiatura utilizzato per indicare una ripetizione del lavoro di un altro autore è presentato tra virgolette. Queste virgolette sono illustrate da virgolette, singole virgolette (”) o doppie virgolette (“”). 

L’uso delle citazioni nei saggi aiuta a dimostrare la tua conoscenza del testo, oltre a fornire prove solide per le tue argomentazioni. Inoltre, inserendo le citazioni bibliografiche in maniera equilibrata, la tesi risulta più interessante e ponderata e dimostri, al contempo, le tue capacità di scrittura. Tuttavia, le citazioni devono essere utilizzate correttamente, altrimenti il rischio è quello di includere citazioni irrilevanti, creando un testo pesante e sovraffollato. 

Come scegliere le citazioni per la tesi di psicologia?

Il segreto è ricorrere alle citazioni solo in passaggi strategici. Probabilmente ti è stato detto di fornire quante più prove possibili a sostegno della tua tesi, ma riempire il testo di citazioni non rafforzerà necessariamente la tua argomentazione. Le citazioni devono essere solo un sistema di supporto: il fulcro sono le tue idee originali dette con parole tue.

In generale, il minimo assoluto è di tre citazioni per paragrafo, ma non dovresti nemmeno sovraccaricare i tuoi paragrafi. Sovraffollando la tua tesi con troppe citazioni non riuscirai a sviluppare le tue idee, così come il tuo lavoro apparirà troppo contorto per il tuo valutatore.

  • Citazioni brevi. Le citazioni brevi, comprendenti poche parole, possono spesso lasciare un’impressione maggiormente positiva sul valutatore. Questo perché dimostrano che sei in grado di concentrarti su un breve concetto e sviluppare un’intera idea attorno ad esso.
  • Citazioni lunghe. Le citazioni lunghe comprendono più di una frase: evita di usarle in maniera continuativa. Il tuo valutatore non ti darà un voto positivo se la maggior parte dei tuoi paragrafi è costituita da citazioni lunghe. Dovresti mirare a mantenere le tue citazioni su una lunghezza inferiore alle due righe su una pagina di scrittura A4. Se hai una citazione lunga che desideri utilizzare, sii selettivo. Scegli solo le frasi o le parole chiave importanti e rimuovi la frase rimanente sostituendola con i puntini di sospensione (…).

Non devi mai prendere le parole dell’autore originale e usarle nel tuo saggio senza inserirle tra virgolette. La mancata osservanza di questa precauzione può portare all’accusa di plagio, reato che si verifica quando si fa passare come proprio il lavoro di qualcun altro. Devi assicurarti di usare le virgolette ogni volta che riporti una citazione bibliografica nella tua tesi di psicologia.

Come inserire le citazioni bibliografiche nel testo?

Dopo aver selezionato accuratamente le citazioni che desideri utilizzare, il prossimo passo è incorporarle nel tuo testo. Le parole che precedono e seguono una citazione sono importanti quanto la citazione stessa, perché forniscono la chiave di interpretazione al lettore. Di seguito sono riportate quattro linee guida per rendere efficace l’inserimento di citazioni nel testo.

  • Fornire un contesto per ogni citazione. Non fare affidamento sulle citazioni per raccontare la tua storia per te. È tua responsabilità fornire al lettore il contesto per la citazione. Il contesto dovrebbe stabilire la scena di base per quando, possibilmente dove, e in quali circostanze la citazione è stata pronunciata o scritta. 
  • Attribuisci ogni citazione alla sua fonte. Ricordati sempre di riportare il nome dell’autore della citazione. Ecco un buon test per testare l’efficacia delle tue citazioni: prova a leggere la tua tesi ad alta voce. Il tuo lettore potrebbe determinare senza guardare il tuo testo da dove iniziano le tue citazioni? In caso contrario, è necessario attribuire la citazione in modo più evidente. Evita di attribuirle con il classico “ha detto”! Ci sono molti altri modi più efficaci per attribuire delle frasi.
  • Spiega il significato della citazione. Una volta inserita la citazione, il contesto e l’attribuzione, non è finita qui. L’esaminatore vorrà infatti sapere il motivo per cui la citazione è significativa per la tua tesi. 
  • Riporta la fonte della citazione. Tutte le citazioni richiedono il richiamo alla fonte principale. La regola più diffusa è quella di posizionare il riferimento tra parentesi o il numero della nota a piè di pagina o tra le note di chiusura.

In generale, evita di lasciare le frasi virgolettate come frasi a sé stanti. Anche se hai fornito un contesto per la citazione, una sola citazione può interrompere il flusso del tuo testo. Citare le parole degli altri comporta una grande responsabilità. Le citazioni errate possono portare a travisare le idee degli autori, per questo è bene evitare modifiche al testo originale. 

Desideri studiare psicologia ma temi di non riuscire a conciliare gli impegni quotidiani con lo studio? Con Unicusano puoi avere tutta la flessibilità dell’apprendimento digitale: potrai studiare comodamente da casa seguendo le lezioni online sulla piattaforma ufficiale dell’ateneo. Richiedi informazioni oggi stesso e investi sul tuo futuro.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali